Indice del forum Studi Calabresi
Forum del Circolo di Studi Storici "Le Calabrie"
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

AIUTO per tre stemmi della LOCRIDE-GERACIDE-ASPROMONTE
Vai a 1, 2, 3, 4  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scienze documentarie della storia
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Sab Feb 24, 2018 12:04 am    Oggetto: Ads

Top
ritius



Registrato: 08/05/13 13:53
Messaggi: 29
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Sab Mag 25, 2013 1:04 am    Oggetto: AIUTO per tre stemmi della LOCRIDE-GERACIDE-ASPROMONTE Rispondi citando

Chiedo aiuto alle genti della Locride (leggasi Utriusque Juris Doctor, da Fiore e messer giorgio) per la ricerca degli stemmi
SPAGNOLO, famiglia di Bovalino
LONGO MAZZAPICA, famiglia di Santa Cristina e
OLIVA, famiglia di San Giorgio Morgeto,
DE CICCO, famiglia di San Giorgio Morgeto
GAMBACORTA di Melicucca`

_________________
COR TENEAT COELVM CETERA TERRA PARENS


L'ultima modifica di ritius il Ven Giu 21, 2013 10:23 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
ritius



Registrato: 08/05/13 13:53
Messaggi: 29
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Sab Mag 25, 2013 1:12 am    Oggetto: Rispondi citando

Lo stemma Oliva si ritrova in un mosaico della Cattedrale di Gerace, ma so che Giacomo Oliva si lamentava con un mio amico dei rimaneggiamenti subiti dallo stemma nel tempo, che hanno appesantito l'arma originale, che penso si limitasse solo al leone rampante che regge l'ulivo nodrito sulla pianura, al massimo con stella in punta o accompagnante.
Voi che ne dite? Confido nella vostra sapienza
Very Happy

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


_________________
COR TENEAT COELVM CETERA TERRA PARENS
Top
Profilo Invia messaggio privato
messer giorgio



Registrato: 09/03/08 23:57
Messaggi: 1330
Residenza: Gerace - Locri

MessaggioInviato: Sab Mag 25, 2013 8:55 pm    Oggetto: Rispondi citando

So che Giacomo legge saltuariamente quanto scriviamo in questo forum ma credo che non sia mai intervenuto!
Questa sarebbe un'ottima occasione per leggere il suo primo intervento.

_________________
Cordialmente, Messer rk01_acavallo Giorgio.

Chi riconosce il valor altrui, accresce il proprio. (V. Zangara)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
da Fiore
Amministratore


Registrato: 13/01/07 00:48
Messaggi: 1681
Residenza: Gioiosa Jonica

MessaggioInviato: Gio Giu 20, 2013 2:59 pm    Oggetto: Rispondi citando

Su, Giacomo, coraggio! Wink

_________________
Marilisa Morrone
Top
Profilo Invia messaggio privato
Phersu



Registrato: 20/02/08 13:17
Messaggi: 1806
Residenza: Etruria meridionale

MessaggioInviato: Gio Giu 20, 2013 4:15 pm    Oggetto: Rispondi citando

...unisco un piccolo aiutino rk01_fotografo_02 fotografico all'appello lanciato al nostro amico Giacomo...


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


(dalla visita araldica guidata del Circolo a Gerace, autunno 2008)

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


un simbolo è qualcosa in più
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

della somma delle sue parti
Top
Profilo Invia messaggio privato
Utriusque Juris Doctor
Amministratore


Registrato: 20/01/07 15:09
Messaggi: 296
Residenza: Geracide

MessaggioInviato: Gio Giu 20, 2013 8:19 pm    Oggetto: Rispondi citando

Chiedendo venia per il tardivo riscontro all'invito di ritius, posto una foto dello stemma della famiglia Spagnolo scolpito in una lapide tombale (primo quarto del XIX secolo) allocata nel pavimento della navata sinistra della chiesa Matrice in Bovalino Superiore.

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


_________________
U.J.D.

"A faticosa impresa assai per tempo" (F. Petrarca, Canzoniere, 119, 12)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail AIM
ritius



Registrato: 08/05/13 13:53
Messaggi: 29
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Gio Giu 20, 2013 9:05 pm    Oggetto: Rispondi citando

All'albero di ??? accostato da due leoni rampanti affrontati e accompagnati in capo rispettivamente da una stella a otto punte, il tutto poggiante su tre monti al naturale.
Che albero e`? Penso che i colori siano sfondo azzurro e il tutto al naturale con stelle d'argento...

_________________
COR TENEAT COELVM CETERA TERRA PARENS
Top
Profilo Invia messaggio privato
Phersu



Registrato: 20/02/08 13:17
Messaggi: 1806
Residenza: Etruria meridionale

MessaggioInviato: Gio Giu 20, 2013 9:54 pm    Oggetto: Rispondi citando

...penserei anche a un blasone come:
Di (...), all'albero di (...), accostato al fusto da due leoni controrampanti di (...), ed alla chioma da due stelle di otto raggi di (...), il tutto sostenuto da tre montagne affiancate di (...), la centrale più grande.

Circa gli smalti, questo stemma inciso non ci permette alcuna deduzione, essendo acromo e privo dei cd. tratteggi araldici. Wink

Sul genere dell'albero, difficile avanzare ipotesi, perché l'incisione è particolarmente consunta proprio sulla chioma e impedisce di distinguerne le foglie.
Il tronco sembra "mosso" come quello di un ulivo: ma esistono altri alberi dal tronco parimenti tormentato.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


un simbolo è qualcosa in più
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

della somma delle sue parti
Top
Profilo Invia messaggio privato
ritius



Registrato: 08/05/13 13:53
Messaggi: 29
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Gio Giu 20, 2013 11:42 pm    Oggetto: Rispondi citando

Sapevo sarebbe arrivato il suo richiamo sui colori Very Happy Very Happy Very Happy
Non potra` pero` negare che in questo caso al 90 per cento siano quelli... Vista la stragrande maggioranza di stemmi simili che riportano quasi sempre il fondo azzurro e il naturale per leoni ed albero e l'argento per le stelle Cool
Io pure propendo per l'ulivo: l'avevo riconosciuto dal fogliame, ma non avevo pensato per il tronco. Son contento che altri confermi la mia impressione!

_________________
COR TENEAT COELVM CETERA TERRA PARENS
Top
Profilo Invia messaggio privato
Utriusque Juris Doctor
Amministratore


Registrato: 20/01/07 15:09
Messaggi: 296
Residenza: Geracide

MessaggioInviato: Ven Giu 21, 2013 8:24 am    Oggetto: Rispondi citando

... Ulivo o non ulivo, questo è il dilemma!
A mio sommesso parere, è impossibile una esatta oggettiva blasonatura "botanica" dell'albero, atteso che il fogliame è assolutamente indistinguibile a causa dell'avanzata consunzione del manufatto funerario, provocato dalla sua allocazione in un piano (pavimento) ora come allora sottoposto a diuturno calpestio.
E, allora, perché non meglio ritenerlo un gelso (bianco o nero, a libera scelta dell'araldica), detto qui dialettalmente "ciorzu", albero - quanto, o più, dell'ulivo - un tempo diffusissimo in questa contrada poiché il suo fogliame, nell'ambito della sericoltura (nei secoli passati, tra le prevalenti attività economiche della zona), costituiva l'elemento basilare per l'allevamento del baco da seta?
E allora, gelso o non gelso, questo potrebbe essere il dilemma!

_________________
U.J.D.

"A faticosa impresa assai per tempo" (F. Petrarca, Canzoniere, 119, 12)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail AIM
fethiye



Registrato: 28/01/07 20:09
Messaggi: 230
Residenza: Locride

MessaggioInviato: Ven Giu 21, 2013 8:20 pm    Oggetto: Rispondi citando

La cosa curiosa (ed anche un po' intrigante...) è che nell'Onciario di Bovalino (che sarà persto pubblicato, almeno spero ...) gli Spagnolo NON sono elencati fra i "nobili viventi", come si diceva allora: vi sono un "mastro forgiaro", uno "scarparo" ed un "bracciale", ma nessun "Nobile vivente" ...
Forse si trapiantarono a Bovalino in seguito, provenienti da altro luogo?

_________________
mònon òida oudèn idèin
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
ritius



Registrato: 08/05/13 13:53
Messaggi: 29
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Ven Giu 21, 2013 10:09 pm    Oggetto: Rispondi citando

Si trasferirono a Bovalino nella seconda meta` dell'800: si pensa siano giunti in italia dalla Spagna nel XVI secolo, passando da Messina a Reggio, in cui vi dovrebbe essere un bel palazzo. Diedero due sindaci a fine 800: Antonino (1885-1887 e 1895-1898) e Nicola (1867-1868 e 1879-1882). Nell'800 a Bovalino erano giunte varie famiglie nobili. Sarebbe interessante indagare perche`: oltre ai nostri, i De Blasio, gli Oliva, gli Stranges, i Vitale, gli Amaduri Marrapodi, Procopio, Agostini, Morisciano. Gli Spagnolo possedevano tre palazzi e la chiesetta dell'Annunziata. V'e` una via intitolata a Mario e Luigi Spagnolo. Dovrebbe vivere Girolama sposata Ruffo.
Altre info non ne ho, se non che Maria e Carmela Cordopatri da Paracorio (oggi Delianuova) sposarono rispettivamente i fratelli Gerolamo e Nicola Spagnolo, da Bovalino. Maria e Carmela erano figlie di Francesco Saverio, il quale aveva sposato una bovalinese: Teresa Sculli, famiglia che non conosco. Il palazzo dei Bovalino a Reggio per qualche ragione fu passo` ai Cordopatri.

_________________
COR TENEAT COELVM CETERA TERRA PARENS
Top
Profilo Invia messaggio privato
ritius



Registrato: 08/05/13 13:53
Messaggi: 29
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Ven Giu 21, 2013 10:20 pm    Oggetto: Rispondi citando

Tornando allo stemma OLIVA, Umberto Ferrari in "Armerista Calabrese" indica l'albero d'ulivo al naturale sulla terrazza di verde in campo azzurro, ma lo attribuisce agli Oliva di Reggio Calabria. Mi rivolgo a voi del reggino: e` la stessa famiglia?

_________________
COR TENEAT COELVM CETERA TERRA PARENS
Top
Profilo Invia messaggio privato
fethiye



Registrato: 28/01/07 20:09
Messaggi: 230
Residenza: Locride

MessaggioInviato: Sab Giu 22, 2013 9:56 am    Oggetto: Rispondi citando

Sugli Spagnolo qualche conto non mi torna, qualche altro, sì:
- Salvo notizie più precise (che spero ritius sia in grado di darmi), palazzo Spagnolo alla Marina dovrebbe essere stato edificato fra il 1850 ed il 1865 (certamente non esisteva nel 1847, al tempo dei moti di Reggio e Gerace, certamente esisteva prima del 1865, come attesta il progetto della ferrovia jonica), ma non risulta (al momento) alcun palazzo (nobiliare) Spagnolo a Bovalino Superiore; ma se gli Spagnolo arrivano a Bovalino attorno al 1850 (per semplificare), a quali Spagnolo si riferisce la lapide, datata da Utriusque al primo quarto dell'800?
Per quanto riguarda le famiglie citate, ci sono alcune cose da precisare:
- i Procopio sono presenti a Bovalino certamente nel '700: un Notaio Procopio è Sindaco nel 1745;
- i Vitale sono attestati a Bovalino (almeno in riguardo ad interessi terrieri, perchè la loro sede principale era, se non erro, Condojanni) già dal '600 (nel 1617 Sebastiano Vitale acquista Bovalino da Beatrice Orsini, per poi rivenderla nel 1650 ad Orazio Del Negro). Nell'Onciario, un D. Francesco Antonio di Condojanne possiede a Bovalino una "casa palaziata" e numerosi terreni;
- I Morisciano sono citati nell'Onciario ma non come famiglia "nobile": forse ritius si riferisce al Vescovo Raffaele (nativo di S. Agata del Bianco): a Bovalino Sup. esiste ancora il suo palazzo (ho fotografato qualche interno per la prima volta giusto due mesi fa), mentre quello, ben più "rappresentativo" alla Marina, è probabile sia stato edificato dopo il 1870;
- Gli Oliva e gli Stranges provenivano, rispettivamente, da Platì e da S. Luca, ed è molto probabile che il loro arrivo a Bovalino (nel periodo indicato da ritius) abbia coinciso con un momento particolarmente felice per l'espansione economica di Bovalino, tanto da coincidere anche con l'arrivo di numerose famiglie di commercianti napoletani (Savo, De Pino, Ferrigno ecc.). Forse fu la stessa molla che spinse i primi ad installarsi lì.

_________________
mònon òida oudèn idèin
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
ritius



Registrato: 08/05/13 13:53
Messaggi: 29
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Sab Giu 22, 2013 10:27 am    Oggetto: Rispondi citando

Purtroppo devo deluderla, non posso soddisfare le sue richieste.
Posso pero` avanzare un'ipotesi: non crede sia possibile che la lapide sia stata traslata nel tempo, per cui nella prima meta` si trovava in un altro edificio di culto? Una lapide della mia famiglia si trovava in una chiesetta di juspatronato e, quando questa fu distrutta, fu trasferita nella chiesa di un convento. Per cui, pur essendo del 600, comparve in quella chiesa nell'800.
Circa le altre famiglie citate, non posso contraddirla. Non conosco bene il contesto della Ionica e quelle informazioni le avevo prese da un opuscolo su Bovalino, in cui appunto v'era scritto che si trattava di famiglie trasferitesi nel XIX secolo, come gli Spagnolo, esattamente per lo stesso motivo che indica lei, ossia per un periodo di grande fervore economico. Voi esperti della zona sicuramente conoscerete le ragioni di quell'espansione: infrastrutture, apertura dei commerci, che avrebbero portato a trasferirsi dall'entroterra sul litorale?

_________________
COR TENEAT COELVM CETERA TERRA PARENS
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scienze documentarie della storia Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a 1, 2, 3, 4  Successivo
Pagina 1 di 4

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
Confirmed

Page generation time: 7.421