Indice del forum Studi Calabresi
Forum del Circolo di Studi Storici "Le Calabrie"
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Araldica dei Vescovi di Gerace
Vai a 1, 2, 3, 4  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scienze documentarie della storia
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Gio Feb 22, 2018 3:02 am    Oggetto: Ads

Top
Scinuso



Registrato: 16/01/07 21:42
Messaggi: 1185
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Ven Dic 12, 2008 7:53 pm    Oggetto: Araldica dei Vescovi di Gerace Rispondi citando

Cari amici,

infilzando con questa la cinquecentesima comunicazione liebe_rosen ImmO_smdh_01104612833 Wink , do seguito alla proposta di Pehrsu di ripercorrere in modo organico la serie degli stemmi vescovili geracesi, affiancando a quanto è già noto dai monumenti della Città di Gerace (e egregiamente repertato da M. C. A. Gorra nell'ultima visita araldica) tutti gli stemmi non rappresentati nei manufatti ma da recuperare dalle altre fonti disponibili.

Dunque, dunque....

In primo luogo ci serve che qualcuno disponga della cronotassi ufficiale dei presuli.

_________________
Scinuso
Top
Profilo Invia messaggio privato
da Fiore
Amministratore


Registrato: 13/01/07 00:48
Messaggi: 1681
Residenza: Gioiosa Jonica

MessaggioInviato: Ven Dic 12, 2008 7:57 pm    Oggetto: Rispondi citando

va bene, la cronotassi c'è... Rolling Eyes Rolling Eyes
..ma mi dici da quale vescovo dobbiamo cominciare?
O meglio, da quale periodo o secolo?

dal 1300 può andare bene?

A proposito: COMPLIMENTI PER IL N° 500!! 427wa Applause

_________________
Marilisa Morrone
Top
Profilo Invia messaggio privato
messer giorgio



Registrato: 09/03/08 23:57
Messaggi: 1330
Residenza: Gerace - Locri

MessaggioInviato: Ven Dic 12, 2008 10:30 pm    Oggetto: Re: Araldica dei Vescovi di Gerace Rispondi citando

Scinuso ha scritto:
Cari amici,

infilzando con questa la cinquecentesima comunicazione liebe_rosen ImmO_smdh_01104612833 Wink , do seguito alla proposta di Pehrsu di ripercorrere in modo organico la serie degli stemmi vescovili geracesi, affiancando a quanto è già noto dai monumenti della Città di Gerace (e egregiamente repertato da M. C. A. Gorra nell'ultima visita araldica) tutti gli stemmi non rappresentati nei manufatti ma da recuperare dalle altre fonti disponibili.

Dunque, dunque....

In primo luogo ci serve che qualcuno disponga della cronotassi ufficiale dei presuli.



Da cercare sicuramente lo stemma dei Vescovi Mattei e Sculco.
Sono assenti anche nella pubblicazione di D'Agostino sui Vescovi di Gerace.
Dello stemma di Muti abbiamo il disegno, sul libro di D'Agostino, e l'immagine del sepolcro in Roma foto posta da Phersu in altro topic su questo forum.

Cordialmente, Messer rk01_acavallo Giorgio.

_________________
Cordialmente, Messer rk01_acavallo Giorgio.

Chi riconosce il valor altrui, accresce il proprio. (V. Zangara)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
da Fiore
Amministratore


Registrato: 13/01/07 00:48
Messaggi: 1681
Residenza: Gioiosa Jonica

MessaggioInviato: Ven Dic 12, 2008 11:51 pm    Oggetto: Rispondi citando

Per Sculco si può ipotizzare che utilizzasse lo stemma di famiglia.
Stefano Sculco apparteneva ad una famiglia del patriziato crotonese che nel '600 divennero prima conti e poi duchi di S. Severina, se non ricordo male per un cinquantennio.

Se volete posso postare un'immagine dello stemma dei conti-duchi di S. Severina, di...allo scorpione posto in palo e due bisanti nel capo.

(Si salvi Embarassed chi può dai molossi...) 22_yikes

_________________
Marilisa Morrone
Top
Profilo Invia messaggio privato
Phersu



Registrato: 20/02/08 13:17
Messaggi: 1806
Residenza: Etruria meridionale

MessaggioInviato: Sab Dic 13, 2008 9:58 am    Oggetto: Rispondi citando

da Fiore ha scritto:
va bene, la cronotassi c'è... Rolling Eyes Rolling Eyes ..ma mi dici da quale vescovo dobbiamo cominciare? O meglio, da quale periodo o secolo? dal 1300 può andare bene?

...Signor Presidente, mi ha fatto Shocked scatenare i molossi in un latrare che sto bullwhip sedando con fatica...
...proprio Lei si fa avanti con un protesta quesito del genere?!...


A proposito: COMPLIMENTI PER IL N° 500!! 427wa Applause

Sì, anzi ImmO_seremegliodiholly_21092142699 !!!
Ma occhio, carissimo: ci sono due che ti rk01_continuapedalare seguono a ruota!

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


un simbolo è qualcosa in più
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

della somma delle sue parti
Top
Profilo Invia messaggio privato
Phersu



Registrato: 20/02/08 13:17
Messaggi: 1806
Residenza: Etruria meridionale

MessaggioInviato: Sab Dic 13, 2008 9:59 am    Oggetto: Re: Araldica dei Vescovi di Gerace Rispondi citando

messer giorgio ha scritto:
Dello stemma di Muti abbiamo il disegno, sul libro di D'Agostino, e l'immagine del sepolcro in Roma foto posta da Phersu in altro topic su questo forum.

...e i suoi colori si trovano con facilità, essendo stemma noto alle fonti blasoniche romane...

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


un simbolo è qualcosa in più
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

della somma delle sue parti
Top
Profilo Invia messaggio privato
Phersu



Registrato: 20/02/08 13:17
Messaggi: 1806
Residenza: Etruria meridionale

MessaggioInviato: Sab Dic 13, 2008 10:11 am    Oggetto: Rispondi citando

da Fiore ha scritto:
Per Sculco si può ipotizzare che utilizzasse lo stemma di famiglia.

Sì, anzi direi che la stessa cosa può venir ipotizzata per ogni altro presule su cui le fonti locali non ci diano al momento uno stemma.
Sarebbe opportuno, però, che l'evenienza venisse adeguatamente evidenziata: per esempio, disegnando questi stemmi senza dotarli di ornamenti vescovili.


Stefano Sculco apparteneva ad una famiglia del patriziato crotonese che nel '600 divennero prima conti e poi duchi di S. Severina, se non ricordo male per un cinquantennio.
Se volete posso postare un'immagine dello stemma dei conti-duchi di S. Severina, di...allo scorpione posto in palo e due bisanti nel capo.
(Si salvi Embarassed chi può dai molossi...) 22_yikes

...non ce n'è bisogno, stanno ancora guaendo al ricordo della tua domanda di poc'anzi... 4_When_Sum1_Dont_give_ya_a_hug
...circa la quale, seriamente Razz parlando, penso che il termine iniziale di questa cronotassi araldica saranno si direttamente i manufatti a darcelo: noi possiamo e dobbiamo ragionevolmente pensare che prima del XIV secolo nessun vescovo geracese abbia usato uno stemma, ma Wink lasciamolo dire da loro.
Anche perchè non è per nulla da escludere che (in epoca rk01_giudice barocca, o giù di lì) qualcuno non abbia pensato di Rolling Eyes inventare uno stemma per i presuli vissuti nei primi secoli della nostra era...

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


un simbolo è qualcosa in più
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

della somma delle sue parti
Top
Profilo Invia messaggio privato
da Fiore
Amministratore


Registrato: 13/01/07 00:48
Messaggi: 1681
Residenza: Gioiosa Jonica

MessaggioInviato: Sab Dic 13, 2008 12:25 pm    Oggetto: Rispondi citando

Allo stato attuale mi pare che il più antico stemma che conosciamo sia quello di [CENSORED] lo Carafa su quel pezzo di architrave custodito nelle scale del Municipio.

Lo stemma del vescovo più antico che conosciamo è quello di Atanasio Calceopulo, però in versione tardo cinquecentesca.

Lo stemma Calceopulo situato sul palazzo nella piazza del Tocco, è senza dubbio più antico di quello in Cattedrale, ma non è vescovile, anche se verosimilmente si direbbe tratto da quello del vescovo.

_________________
Marilisa Morrone


L'ultima modifica di da Fiore il Sab Dic 13, 2008 2:45 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
Phersu



Registrato: 20/02/08 13:17
Messaggi: 1806
Residenza: Etruria meridionale

MessaggioInviato: Sab Dic 13, 2008 12:42 pm    Oggetto: Rispondi citando

da Fiore ha scritto:
Allo stato attuale mi pare che il più antico stemma che conosciamo sia quello di [CENSORED] lo Carafa su quel pezzo di architrave custodito nelle scale del Municipio.

A livello di epigrafi concordo con te: salvo eventuali rk01_investigatorepipa ritrovamenti ulteriori, è ovvio.
E ferma restando la possibilità di trovare su altre fonti (manoscritti, ecc.) stemmi episcopali anteriori a [CENSORED] lo.


Lo stemma del vescovo più antico che conosciamo è quello di Atanasio Calceopulo, però in versione tardo cinquecentesca.

Quello sulla Razz stupenda lapide marmorea al pilastro mediano sinistro della Cattedrale, vero?

Lo stemma Calceopulo situato sul palazzo nella piazza del Tocco, è senza dubbio più antico di quello in Cattedrale, ma non è vescovile, anche se verosimilmente si direbbe tratto da quello del vescovo.

Sì: e il fatto che esso oggi sia ridotto ad un semplice scudo, privo di ornamenti, non esclude che in passato Trilly-44-23 possa esser stato timbrato da una mitra, e/o da altro...

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


un simbolo è qualcosa in più
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

della somma delle sue parti
Top
Profilo Invia messaggio privato
da Fiore
Amministratore


Registrato: 13/01/07 00:48
Messaggi: 1681
Residenza: Gioiosa Jonica

MessaggioInviato: Sab Dic 13, 2008 2:19 pm    Oggetto: Rispondi citando

Phersu ha scritto:
da Fiore ha scritto:


A livello di epigrafi concordo con te: salvo eventuali rk01_investigatorepipa ritrovamenti ulteriori, è ovvio.
E ferma restando la possibilità di trovare su altre fonti (manoscritti, ecc.) stemmi episcopali anteriori a [CENSORED] lo.


certo, ma io dicevo allo stato attuale, poi è ovvio che la ricerca mi auguro porterà novità inedite.


Quello sulla Razz stupenda lapide marmorea al pilastro mediano sinistro della Cattedrale, vero?

Certo!
Quella su cui nella visita guidata araldica di ottobre ci sono stati mancamenti, segni di asfissia, ed altri strani sintomi... Drogar-Neutral(LBG) dovuti ad una esposizione senza fine della guida.... Twisted Evil


Sì: e il fatto che esso oggi sia ridotto ad un semplice scudo, privo di ornamenti, non esclude che in passato Trilly-44-23 possa esser stato timbrato da una mitra, e/o da altro...


mmmh... Think non mi sembraprobabile. Il manufatto sembra già finito così com'è.

_________________
Marilisa Morrone
Top
Profilo Invia messaggio privato
Phersu



Registrato: 20/02/08 13:17
Messaggi: 1806
Residenza: Etruria meridionale

MessaggioInviato: Sab Dic 13, 2008 2:51 pm    Oggetto: Rispondi citando

da Fiore ha scritto:
la ricerca mi auguro porterà novità inedite.

Lo speriamo Razz tutti.

Certo!
Quella su cui nella visita guidata araldica di otobre ci sono stati mancamenti, segni di asfissia, ed altri strani sintomi... Drogar-Neutral(LBG) dovuti ad una esposizione senza fine della guida.... Twisted Evil

...i classici sintomi da rk01_guardareunamostra sindrome di Stendhal, è evidente...
...del resto il manufatto eccelso merita adeguate sottolineature...
...cose che una guida come-si-deve non può rk01_084 esimersi dal fare...


mmmh... Think non mi sembraprobabile. Il manufatto sembra già finito così com'è.

Dal punto di vista manufattoriale, m'inchino allah al tuo parere.

Dal punto di vista araldico, se ne confermiamo la datazione al XV secolo, dobbiamo tener presente che il titolare (proveniente dalla terra di Grecia dove la tradizione araldica era pressochè inesistente) ebbe stemma perchè divenne vescovo e, con molta probabilità, al contrario di quanto accade normalmente oggi dovette crearselo (mi sembra difficile Trilly-38-13janelle_results[1] che la famiglia potesse averne uno): ergo, mi pare strano che lo stemma Calceopulo oggi in piazza del Tocco sia "nato" senza alcun timbro così come oggi si vede.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


un simbolo è qualcosa in più
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

della somma delle sue parti
Top
Profilo Invia messaggio privato
Scinuso



Registrato: 16/01/07 21:42
Messaggi: 1185
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Sab Dic 13, 2008 3:01 pm    Oggetto: Rispondi citando

Cari corrispondenti,

l'origine dell'araldica vescovile per la Diocesi deve coincidere necessariamente con la sua latinizzazione: si intende che fino ad allora i nostri Presuli non innalzarono armi in qualità di vescovi, esseno questo costume sconosciuto alla cultura greca.

Non è un caso che il primo emblema che ci consti pertenga ad Athanasio, ed è anzi abbastanza ragionevole ritenere che egli lo abbia assunto dopo l'abbandono del rito greco ( a meno che -SUPERIPOTESI!- NON SIA ADDIRITTURA UNO STEMMA DI FANTASIA...ATTRIBUITOGLI IN SEGUITO MAGARI DALL'ERUDITO VESCOVO PASQUA!!! Mi senbra un'idea affascinante e fondata, ditemi che ne pensate).

Prima della data fatidica, in realtà, non mancarono vescovi latini della Diocesi ancora greca. Il primo quel Giacomo "Calaber" proveniente dalla Diocesi di Mileto ( un normanno??), eletto attorno al 1380,per cui cfr. D'Agostino, Da Locri a Gerace, p.222). Può darsi che egli innalzasse uno stemma familiare o personale. Difficile davvero saperlo.

_________________
Scinuso


L'ultima modifica di Scinuso il Sab Dic 13, 2008 3:02 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
da Fiore
Amministratore


Registrato: 13/01/07 00:48
Messaggi: 1681
Residenza: Gioiosa Jonica

MessaggioInviato: Sab Dic 13, 2008 3:02 pm    Oggetto: Rispondi citando

Phersu ha scritto:

...i classici sintomi da rk01_guardareunamostra sindrome di Stendhal, è evidente...
...del resto il manufatto eccelso merita adeguate sottolineature...
...cose che una guida come-si-deve non può rk01_084 esimersi dal fare...


certamente...
Wink


Dal punto di vista manufattoriale, m'inchino allah al tuo parere.

Dal punto di vista araldico, se ne confermiamo la datazione al XV secolo, dobbiamo tener presente che il titolare (proveniente dalla terra di Grecia dove la tradizione araldica era pressochè inesistente) ebbe stemma perchè divenne vescovo e, con molta probabilità, al contrario di quanto accade normalmente oggi dovette crearselo (mi sembra difficile Trilly-38-13janelle_results[1] che la famiglia potesse averne uno): ergo, mi pare strano che lo stemma Calceopulo oggi in piazza del Tocco sia "nato" senza alcun timbro così come oggi si vede
.
[/quote]

Si, ma così partiamo dal presupposto che "quel" manufatto sia stato fatto mettere lì dal vescovo in persona..
Invece io penso ad un'adozione dello stemma da parte della famiglia, che poi ha fatto costruire o meglio, ha acquistato il palazzo attuando lavori inclusa l'apposizione dello stemma, che vedrei anche bene come esemplare databile ai primi del '500.
D'altra parte mi pare che sulla guida Pan perì symbolòn l'autore Cool abbia riportato la notizia di uno stemma Calceopulo di uno studente dell'Ateneo di Padova del secolo successivo, segno evidente dell'adozione di questo stemma da parte di tutta la famiglia Calceopulo ormai Occidentalizzata
...o mi sbaglio? Wink

_________________
Marilisa Morrone
Top
Profilo Invia messaggio privato
Phersu



Registrato: 20/02/08 13:17
Messaggi: 1806
Residenza: Etruria meridionale

MessaggioInviato: Sab Dic 13, 2008 3:10 pm    Oggetto: Rispondi citando

Scinuso ha scritto:
Cari corrispondenti, l'origine dell'araldica vescovile per la Diocesi deve coincidere necessariamente con la sua latinizzazione: si intende che fino ad allora i nostri Presuli non innalzarono armi in qualità di vescovi, esseno questo costume sconosciuto alla cultura greca.

Acuta Wink osservazione.

Non è un caso che il primo emblema che ci consti pertenga ad Athanasio, ed è anzi abbastanza ragionevole ritenere che egli lo abbia assunto dopo l'abbandono del rito greco ( a meno che -SUPERIPOTESI!- NON SIA ADDIRITTURA UNO STEMMA DI FANTASIA...ATTRIBUITOGLI IN SEGUITO MAGARI DALL'ERUDITO VESCOVO PASQUA!!! Mi senbra un'idea affascinante e fondata, ditemi che ne pensate).

Beh, però in contrasto Shocked con lo stemma di piazza del Tocco...

Prima della data fatidica, in realtà, non mancarono vescovi latini della Diocesi ancora greca. Il primo quel Giacomo "Calaber" proveniente dalla Diocesi di Mileto ( un normanno??), eletto attorno al 1380,per cui cfr. D'Agostino, Da Locri a Gerace, p.222). Può darsi che egli innalzasse uno stemma familiare o personale. Difficile davvero saperlo.

Ci occorre l'ausilio book2 di altre fonti...

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


un simbolo è qualcosa in più
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

della somma delle sue parti
Top
Profilo Invia messaggio privato
Phersu



Registrato: 20/02/08 13:17
Messaggi: 1806
Residenza: Etruria meridionale

MessaggioInviato: Sab Dic 13, 2008 3:15 pm    Oggetto: Rispondi citando

da Fiore ha scritto:
Si, ma così partiamo dal presupposto che "quel" manufatto sia stato fatto mettere lì dal vescovo in persona..
Invece io penso ad un'adozione dello stemma da parte della famiglia, che poi ha fatto costruire o meglio, ha acquistato il palazzo attuando lavori inclusa l'apposizione dello stemma, che vedrei anche bene come esemplare databile ai primi del '500.

Ipotesi molto Trilly-132-icon_thumleft ragionevole!
E ben meritevole di approfondimenti che, essendo connessi a ristrutturazioni architettoniche, potrebbero rivelarsi di Trilly-68-1 non complessa natura.


D'altra parte mi pare che sulla guida Pan perì symbolòn l'autore Cool abbia riportato la notizia di uno stemma Calceopulo di uno studente dell'Ateneo di Padova del secolo successivo, segno evidente dell'adozione di questo stemma da parte di tutta la famiglia Calceopulo ormai Occidentalizzata
...o mi sbaglio? Wink

Non Wink sbagli: nel padovano Palazzo del Bo, sede della locale Università, vi sono almeno quattro o cinque esemplari di questa versione posteriore dello stemma Calceopulo. Trilly-79-3

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


un simbolo è qualcosa in più
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

della somma delle sue parti
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scienze documentarie della storia Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a 1, 2, 3, 4  Successivo
Pagina 1 di 4

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
Confirmed

Page generation time: 6.172