Indice del forum Studi Calabresi
Forum del Circolo di Studi Storici "Le Calabrie"
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Un insorgente dimenticato: Giovan Battista Rodio (1779-1806)

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Storia Moderna
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Mar Gen 16, 2018 7:17 am    Oggetto: Ads

Top
Scinuso



Registrato: 16/01/07 21:42
Messaggi: 1185
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Gio Ago 14, 2008 3:23 pm    Oggetto: Un insorgente dimenticato: Giovan Battista Rodio (1779-1806) Rispondi citando

Se si mette questo nome su Google si resta stupiti dal fatto che non una riga si rinviene sulla rete che illumini sulla straordinaia vicenda di questo calabrese. Avendo a disposizione questo ottimo strumento cerco di colmare la lacuna, lanciando una pietra nel grande mare.

Riporto dunque per comodità quanto scrive del Rodio lo storico dell'Insorgenza Massimo Viglione in La "Vandea Italiana". Le insorgenze controrivoluzionarie dalle origini al 1814. Milano, 1995. Effedieffe. p. 273 e ss.
Citazione:


Giovan Battista Rodio nacque a Catanzaro nel 1779; di buona famiglia divenne avvocato; ma la vita gli riservava ben altro destino. Impulsivo e coraggioso, di grandi ideali, seguì il Ruffo nella spedizione del '99, e quindi fu a capo di una parte delle truppe che invasero la Repubblica Romana. Scrive Isabella Rauti:

<<...L'audace giovanissimo Rodio (...) presto e bene si impose in tutto il Circeo, con un gruppo di comandanti spericolati. Rodio avanzò metodicamente: ocupava paesi e paesini, al posto degli abbattuti alberi della libertà inalberava nelle piazze la croce e la bandiera di Re Ferdinando, nominava nuovi reggitori e, quando doveva affrontare i francesi, andava allo scontro "muro contro muro", coe s ecomandasse asua volta un esercito regolare. Lanciò un suo "proclama" politico a Veroli; battè i francesi in uno scontro frontale a Valmontone; il 9 Agosto si attesò a Frascati e con un suo "distaccamento" mise in fuga il presidio francese di Marino, inseguendolo sino a pochi chilometri da Roma.>>

Nel procalma di Veroli si firmava: "Nobile Patrizio della città di Catanzaro in Calabria Ultra, Commissario in capo di Guerra, Tenente colonnello de'Reali Eserciti di S.M. Siciliana, e comandante in Capo della Divisione dello Stato Romano, che forma la vanguardia della Grande Armata Cristiana".

Negli anni seguenticontinuò la guerra ai francesi, finchè entrò in contatto con la Regina M. Carolina, mettendosi ai suoi diretti ordini. Divenne poi prima Brigadiere, poi preside di Teramo e quindi di Cosenza, cavaliere dell'Ordine Costantiniano e infine Marchese (...). Nel 1804 venne inviato come Commissario Regio presso il Gen. Saint Cyr, compiendo un'ottima opera di "seminatore di zizzania" frai generali francesi e italiani. Al principio del 1806 fu spedito in Abruzzo con un corpo di cavalleria regolare con l'incarico di organizzare la controrivoluzione. In Puglia poi, mentre i francesi invadevano il Regno, fu fatto prigioniero dal Gen. Ottavi. Egli chiese di essere trattato come prigioniero di guerra e, in effetti, la Commissione militare, presieduta dal colonnello Cassan, ritenendo che non si potesse reputare "brigante" un Commissario Regio incaricato dal suo Governo di provvedere alla difesa di provincie non ancora occupate dai francesi (...) assolse l'imputato, mercè anche l'abile difesa di se stesso che il Rodio seppe tenere. Ma siccome i veri briganti erano altri, il Massena, senza tenere in alcun conto la decisione della Commissione, il giorno stesso ne nominò un'altra straordinaria, che giudicò in ventiquattr'ore il prigioniero, e, naturalmente, lo condannò a morte.
Il marchese Rodio vegliò in serenità tutta la notte, quindi si confessò, prese i Sacramenti, e morì con coraggio e abnegazione, non ostante dovesse subire pure l'umiliazione di venire fucilato alle spalle come i traditori (traditore di che, poi?), inpiazza del Mercato a Napoli.
Riporta il Lemmi da un brano del Diario Napoletano:

<<Dal suo confessore ho sentito che ricevette la sentenza di morte con infinita costanza,e stiede in piedi di quello sino alle ore quattro d'Italia della sera stessa. Questa mattina si è riconciliato e, munito del Ss. Sacramnto, è andato a morte. Si è inteso questa che il sacerdote che lo ha accompagnato andando a morte sia stato arrestato perchè gli ha posta tra le mani una palma insinuandoli essere quella del martirio>>.


S.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Licofoli
Amministratore


Registrato: 30/11/06 21:31
Messaggi: 746
Residenza: Gioiosa Jonica

MessaggioInviato: Lun Ago 18, 2008 12:37 am    Oggetto: Rispondi citando

Si tratta senza dubbio di un grande calabrese, di un grande meridionale ma soprattutto di un italiano atipico, giacché fedele fino alla fine ai suoi ideali e tutt'altro che incline a saltare sul carro dei vincitori (mestiere da sempre ben praticato nella nostra Penisola a qualsiasi latitudine e in qualsiasi epoca). Certamente a Rodio spetta di diritto l'appellativo di patriota, che la nostra storiografia ha riservato soltanto ai giacobini napoletani che aprirono le porte del Regno ai francesi e ai loro massacri in nome di una libertà purtroppo esistente solo nelle loro illuse menti e in quelle degli storici filo-giacobini di tutte le epohe.

Certamente un esempio che dovrebbe farci riflettere a lungo.

L.

_________________
Ex montibvs lvx!
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
pier



Registrato: 28/09/10 11:04
Messaggi: 8

MessaggioInviato: Mer Nov 17, 2010 3:12 pm    Oggetto: ? Rispondi citando

CREDO CHE LICOFOLI IN QUALITA' DI AMMIN DI QUESTO FORUM DOVREBBE USARE TONI PIù CONSONI A UN RICERCATORE E APPASSIONATO DI STORIOGRAFIA...
MI SEMBRA CHE LO SCIVOLONE SIA EVIDENTE: NON SI CONFONDE IL TEMPO PRESENTE CON GLI AVVENIMENTI DEL PASSATO...

_________________
pier
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
da Fiore
Amministratore


Registrato: 13/01/07 00:48
Messaggi: 1681
Residenza: Gioiosa Jonica

MessaggioInviato: Mer Nov 17, 2010 3:42 pm    Oggetto: Rispondi citando

Intanto direi che i toni da lei usati siano alquanto contrari alle regole della netiquette, visto che ha scritto tutto in maiuscolo, il che sui forum equivale ad urlare...
La invito, pertanto, a moderare lei i toni, a prescindere se sia d'accordo o no con quanto scritto da Licofoli. Quest'ultimo non è solo un amministratore di questo forum, ma è anche uno studioso con le proprie idee, che possono piacere o meno a Lei, ma che egli è libero di esprimere nei limiti della netiquette, come ha fatto!

_________________
Marilisa Morrone
Top
Profilo Invia messaggio privato
Licofoli
Amministratore


Registrato: 30/11/06 21:31
Messaggi: 746
Residenza: Gioiosa Jonica

MessaggioInviato: Mer Nov 17, 2010 4:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

Cari amici,

mi vedo costretto ad intervenire in merito ad un messaggio vecchio di oltre due anni per precisare quanto segue.

1) Essere fra gli amministratori di un forum non significa rinunciare al diritto di esprimere la propria opinione su qualsiasi argomento, soprattutto quando, come nella fattispecie, non vi era in atto alcuna diatriba o scontro fra forumisti ma, esclusivamente, uno scambio di idee, praticamente concordi, fra un amministratore e un moderatore (Io e Scinuso).

2) Sfido chiunque a individuare nel messaggio in oggetto un solo riferimento temporale, diretto o indiretto, che possa rinviare al presente. Nel messaggio si fa riferimento ad un tratto distintivo degli abitanti della Penisola italica – quello di saltare facilmente sul carro dei vincitori – che già nel medioevo è straordinariamente ricorrente. Quanto alla menzione degli storici filo-giacobini è evidente che è generica e si riferisce, senza contorni precisi, a tutte le epoche storiche dal XVIII secolo in poi.

3) Nonostante ciò come modernista (cioè come chi è dedito alla ricerca storica) o se volete anche come semplice uomo nato nel XX secolo, rivendico il diritto e il dovere di esprimere la mia opinione sul presente e sulla storiografia contemporanea, sia su quella che condivido che su quella con cui mi trovo in dissenso. Se questo diritto venisse negato a me come ad altri, la ricerca storica e il dibattito storiografico perderebbe qualsiasi ragione d’essere.

Il bello è che taluni tentativi di censura, ancora oggi, dopo secoli, piuttosto che provenire da ambienti retrogradi e reazionari, paradossalmente, continuano a giungere da chi vorrebbe farsi interprete degli ideali di libertà, uguaglianza e fraternità.

Solo scivoloni o slavine?

Licofoli

_________________
Ex montibvs lvx!
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Phersu



Registrato: 20/02/08 13:17
Messaggi: 1806
Residenza: Etruria meridionale

MessaggioInviato: Mer Nov 17, 2010 4:41 pm    Oggetto: Rispondi citando

...o valanghe?...

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


un simbolo è qualcosa in più
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

della somma delle sue parti
Top
Profilo Invia messaggio privato
pier



Registrato: 28/09/10 11:04
Messaggi: 8

MessaggioInviato: Gio Nov 18, 2010 11:58 am    Oggetto: Rispondi citando

...non sapevo niente di etichette sullo scrivere con lettere maiuscole! Chiedo venia!
.... avevo semplicemente non visto che usavo il catenaccio (così appare).
La Presidentessa (questa si con la maiuscola) interviene con quel tono... complimenti!
Ma quali sono questi storici dalle menti illuse?
... e se sono un interprete dei principi di fratellanza ecc. mi sa dire quali sono invece i vostri?
cordialmente (senza se e senza ma!)
ps: io leggo i post indipendentemente dal tempo trascorso, semplicemente quelli che ci trovo un interesse o una critica o un'analisi condivisibile...
pier

_________________
pier
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
da Fiore
Amministratore


Registrato: 13/01/07 00:48
Messaggi: 1681
Residenza: Gioiosa Jonica

MessaggioInviato: Gio Nov 18, 2010 3:14 pm    Oggetto: Rispondi citando

Prendo atto delle scuse e del fatto che non conoscesse il significato del maiuscolo: se la cosa, come lei dice, non è stata intenzionale ne prendo atto e ritiro l'ammonizione.

Il mio ruolo in questo forum è quello di intervenire in maniera decisa, e anche con quel tono che lei stigmatizza..., nel momento in cui ravvisi una palese violazione delle regole nei post.
E questo mi era sembrato di ravvisare nel suo intervento in maiuscolo e dal tono piuttosto polemico, volto a dare pure giudizi assoluti sulla "consonanza" di cose affermate da un amministratore del forum; giudizi , mi consenta, anche un po' da "magistrato supremo" su ipotizzati "scivoloni" metodologici di uno degli storici del Circolo....

Un amministratore che voglia riportare la discussione su binari corretti, non può consentire che in un confronto di idee si diano giudizi negativi sugli altri che non la pensano come noi.
Quella sua ultima frase "non si confonde il tempo presente con gli avvenimenti del passato", sa più di assunto apodittico e di bocciatura senza appello dell'altro, che di ricerca di un confronto!

Lei porti pure avanti le sue convinzioni con tesi fondate, fonti e dati alla mano confrontandosi con gli altri, ma metta anche in conto che c'è chi potrebbe essere di parere diverso dal suo....ad esempio Benedetto Croce che ebbe a dire: "Ogni storia è storia contemporanea"!!

come vede...

_________________
Marilisa Morrone
Top
Profilo Invia messaggio privato
Licofoli
Amministratore


Registrato: 30/11/06 21:31
Messaggi: 746
Residenza: Gioiosa Jonica

MessaggioInviato: Gio Nov 18, 2010 3:24 pm    Oggetto: Rispondi citando

Gentile amico,

ognuno di noi, quando scrive, spesso fornisce un'immagine rappresentativa, o se vuole emblematica, di sé. Ciò che traspare non ha così bisogno di commenti o di esegesi, e spesso, fortunatamente, finisce per qualificare l'autore agli occhi del pubblico.

Di storici giacobini, illusi o disillusi, italiani ed esteri, pullulano i secoli XIX e XX e chi come Lei conosce la materia al punto da individuare gli scivoloni altrui non ha bisogno di qualcuno che glieli rammenti.

Quanto agli ideali in oggetto, Le assicuro che non occorre attendere i "tolleranti" nipotini di Robespierre per avere un imprescindibile punto di riferimento. A me, più modestamente, basta il Nuovo Testamento e dunque i principi del Cristianesimo. Preferisco correre il rischio di apparire demodé piuttosto che rinunciare ad essere me stesso e ad esprimere liberamente e senza censure ciò che realmente penso.

Saluti

Licofoli

_________________
Ex montibvs lvx!
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Phersu



Registrato: 20/02/08 13:17
Messaggi: 1806
Residenza: Etruria meridionale

MessaggioInviato: Gio Nov 18, 2010 4:19 pm    Oggetto: Rispondi citando

pier ha scritto:
...non sapevo niente di etichette sullo scrivere con lettere maiuscole! Chiedo venia!
.... avevo semplicemente non visto che usavo il catenaccio (così appare).
La Presidentessa (questa si con la maiuscola) interviene con quel tono... complimenti!
Ma quali sono questi storici dalle menti illuse?
... e se sono un interprete dei principi di fratellanza ecc. mi sa dire quali sono invece i vostri?
cordialmente (senza se e senza ma!)
ps: io leggo i post indipendentemente dal tempo trascorso, semplicemente quelli che ci trovo un interesse o una critica o un'analisi condivisibile...
pier

Chiedo scusa a tutti se intervengo echeggiando i tre messaggi precedenti (e quindi continuando a stare a latere del tema proposto dall'amico Scinuso), e soprattutto se parlo di me.

Mi spiace quotare un intervento per intero, ma non ho altro modo per permettere a chi legge di avere sott'occhio il quadro della situazione.

Sono consapevole che i toni percepiti dalla lettura di uno scritto (non solo su Internet) possono essere capovolti rispetto all'intento di chi li "profferisce".
E mi è chiaro che i toni sono una cosa, le parole sono un'altra cosa, e i concetti sono una terza cosa ancora.
Per questo, è mia deformazione personale il non criticare il tono degli altri, sebbene oso pensare che potrei permettermelo avendo la certezza di essere estraneo all'uso di toni "degni di complimenti".

Circa parole e concetti, e tornando in parte al merito del discorso, pur con un'esperienza mille miglia inferiore rispetto ad autori del livello di Croce nutro la convinzione che gli avvenimenti del passato si riflettano (e come!) in ogni tempo, non soltanto in quello presente.
E trovo che l'agire dell'umanità (o di singoli gruppi umani, o dei singoli tout court) rimanga sostanzialmente costante, senza eccessive differenze se non nelle forme.
Ma (ribadisco) sto parlando di me, e me ne scuso ancora.

Molto cordialmente.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


un simbolo è qualcosa in più
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

della somma delle sue parti
Top
Profilo Invia messaggio privato
pier



Registrato: 28/09/10 11:04
Messaggi: 8

MessaggioInviato: Gio Nov 25, 2010 12:12 pm    Oggetto: una giusta direzione Rispondi citando

Credo che avendo dato l'impressione di essere un provocatore - con la "gridata" dovuta alle lettere maiuscole- dovrei chiedere scusa sia alla Presidentessa che all'amministratore. Lungi da me dal reiterare polemiche e direzioni sbagliate prendo atto della mia ingenuità nel conferire in un forum (era la mia prima volta che mi addentravo dentro un forum di studi storici) in quei termini.
Ho anche potuto seguire gli altri post di Licofori e trovo stimolante molte delle argomentazioni ( anche molti dei punti interrogativi, naturalmente).
Chiarita la questione auguro buon proseguiment a tutti
Grazie

_________________
pier
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
da Fiore
Amministratore


Registrato: 13/01/07 00:48
Messaggi: 1681
Residenza: Gioiosa Jonica

MessaggioInviato: Gio Nov 25, 2010 1:57 pm    Oggetto: Rispondi citando

Grazie Pier!! Razz
Buon proseguimento per tutto anche a Lei! Wink

_________________
Marilisa Morrone
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Storia Moderna Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
Confirmed

Page generation time: 2.913